La Sagra di San Rocco

In Primo Piano

- Torneo di Calcio a 5 edizione 2017, sabato 8 e domenica 9 luglio. Siamo pronti!  - clicca per i moduli di iscrizione -

-  Info noleggio sci: la riconsegna generale del materiale noleggiato è prevista nei giorni 21 - 22 - 23 - 24 aprile 2017. Raccomandiamo la puntualità nella riconsegna visto anche che quest'anno (a causa dei molti ritardatari delle passate stagioni) siamo stati costretti ad inserire nelle condizioni di noleggio la penale di 1 € per ogni giorno di ritardo;

- Info noleggio sci: Orario riconsegna materiale noleggiato stagionalmente:

- Venerdi 21: 9-12 / 13.30-17.30 / 18.30-20  -  Sabato 22: 9-12 / 13.30-17.30  -  Domenica 23: 9-12 / 13.30-17.30  -  Lunedì 24: 8-12

... chi ama il proprio paese, chi conosce il territorio e le sue ricchezze, chi desidera vederlo vivere e vuole evitare che vada perso quanto mantiene di antico, di storico, di tradizionale e culturale, costui non può che impegnarsi per offrirlo all'attenzione di tutti...

Novità

 

 

SAGRA DI SAN ROCCO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Rocco, francese di nobili origini, visse tra il 1295 e il 1327. Orfano in età giovane, donò tutti i suoi averi e partì in pellegrinaggio verso Roma. Arrivato in Italia dove infuriava la peste, si dedicò alla cura degli appestati e fu anch'esso colpito dal morbo. La leggenda narra che si rifugiò in un bosco e nei pressi del suo ricovero sgorgò una sorgente d'acqua mentre un cagnolino gli portava quotidianamente il pane rubandolo al suo padrone.

Quest'ultimo seguì il cane scoprendo Rocco che curò e sfamò. Rocco, guarito, riprese il cammino verso la sua patria ma sul Lago Maggiore fu accusato di essere una spia e arrestato. Venne incarcerato e morì cinque anni dopo forse nel 1327. Le sue reliquie sono custodite nella chiesa di San Rocco a Venezia.

Le Giudicarie , come il resto del Trentino , furono più volte nel corso dei secoli desolate da terribili pestilenze; se ne ha memoria nella diffusione del culto ai SS. Rocco, Fabiano e Sebastiano, nelle tradizioni popolari e nei documenti. La peste del 1630 si propagò per le nostre contrade risparmiando, come testimonia Guido Boni nel libro ¨La peste nelle Giudicarie¨, paesi come Bolbeno, Tione, Zuclo. Ecco probabilmente come nasce la devozione dei bolbenesi verso San Rocco.

Il popolo venerava e pregava il Santo che aveva tenuto lontano il flagello ed in suo onore si recava in processione dal paese fino al Santuario della Madonna del Lares.

Un tempo la festività di San Rocco, che si festeggia il giorno successivo al Ferragosto, rappresentava un momento di festa popolare non solo religiosa, era e rimane una festa di paese con manifestazioni popolari.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Questo sito utilizza cookies tecnici.

Il sito consente l’installazione di cookies di terze parti anche profilanti (per es. google Analytics). L'uso del sito costituisce accettazione implicita dell'uso dei cookies. Per saperne di piu'

Approvo